SABATO 17 SETTEMBRE – ORE 10.00 – AULA CONSIGLIO COMUNALE – PIAZZA MUNICIPIO ASSEMBLEA OPERAIA NAZIONALE A POMIGLIANO

 

Donne, operaie, italiane ed immigrate,  il 17 saremo a Pomigliano perché:

 “BISOGNA UNIRE CIO’ CHE IL PADRONE DIVIDE E ROMPERE L’ISOLAMENTO DEI LAVORATORI”

 Come operaie e lavoratrici, italiane ed immigrate, e come mogli, madri e figlie di operai, oggi che i lavoratori sono soli più che mai, sentiamo il bisogno di prendere la parola e lanciare  un appello per “riportare la questione operaia e quella dei lavoratori dai bordi del nulla al centro del mondo”, perché bisogna rompere l’isolamento politico costruito ad arte, e da più parti, per  indebolirne il peso politico  ed affossarne i diritti, e questo perché, oggi sono in pericolo i diritti di tutti, da quelli del lavoro a quelli sociali, alla democrazia.

 Siamo sgomente mentre apprendiamo di Abd Elsalam Ahmed Eldanf , operaio egiziano della Gls di Piacenza di 53 anni, padre di 5 figli, travolto e ucciso dall’autista di un tir mentre partecipava ad una manifestazione sindacale dell’USB, assassinato  della costruenda“modernità padronale”  che sta mettendo in servitù i lavoratori relegandoli a merce da sottoporre  al mercato alla stregua di cavoli, patate e fagioli, con la deroga  per contratto sindacale dei diritti indisponibili di uomini e donne  cancellati così  dalla Costituzione. La matrice politica di questo assassinio è dato dall’escalation della messa in servitù  dell’ intero lavoro dipendente e della sottoposizione delle donne a “moderna schiavitù economica”, coi  loro corpi trasformati in merce e da comprare, affittare ed usare a piacimento con la legittimazione dello Stato. Questo già si prospetta con le proposte di legge da più parti presentate per la legalizzazione della prostituzione  e  col ricorso già in atto al “contratto a tempo – tipo iobs act” – dell’utero in affitto. E che dire dei bambini migranti arrivati in Europa e  spariti in 10.000 negli ultimi 2 anni e del collegato  sfruttamento sessuale ed economico,  e del traffico di organi? Oggi che le multinazionali (con in Italia Marchionne nel ruolo di  ministro ombra del governo Renzi) esercitano una forte influenza extraparlamentare sugli Stati e sulle istituzioni globali, col divide et impera per il controllo sociale inducendo razzismo e frammentazione contrattuale e elementi funzionali di contrapposizione generazionale, sociale e di  genere; oggi che è a rischio la democrazia a partire dalle fabbriche e dai luoghi di lavoro, oggi che la solitudine e l’isolamento indebolisce tutti i lavoratori, oggi che vorrebbero riportarci tutti, uomini e donne, indietro di 100 anni, ci schieriamo insieme, italiane ed immigrate, ed insieme parteciperemo all’assemblea operaia nazionale del 17 settembre a Pomigliano, per riorganizzare insieme e a tutto campo la solidarietà di classe e le ragioni operaie.

Alina, infermiera professionale precaria (rumena) VE – Rosaria Castiello, operaia FCA Pomigliano – Anisa operaia pulizie ag.interinale (albanese) VE – Alice, operaia precaria PD – Anna Solimeno, operaia FCA reparto confino Nola – Ana, operaia precaria (moldava) VE – Carmela Castiello, operaia FCA reparto confino di Nola – Andreea, operaia camionista mezzi pesanti (rumena) – Durvalina Basso, operaia FCA reparto confino di Nola (brasiliana) – Cristina, operaia editoriale (ecuadorena) VR – Maria Ruffino, operaia FCA reparto confino di Nola – Daniela, operaia metalmeccanica (rumena) – Immacolata Battaglia, operaia FCA reparto confino di Nola – Doris, operaia pulizie Elior spa (nigeriana) VE – Giulia Russo. Operaia ecologica precaria – Elisabetta, operaia pulizie alberghiere VE – Giusi Manna, Baby sitter – Evelyn, operaia calzaturiera (nigeriana) – Antonietta Abate, operaia FCA reparto confino di Nola – Fettouma, operaia Coop Camst (marocchina) VE – Filomena Russo, ex addetta vendita ricambi moto, disoccupata – Fidanka, operaia editoriale (serba) VE – Anna Romano ex operaia industria liquori, disoccupata – Koussa, operaia Coop Camst (Ciad) VE – Cristina De Cicco, operaia calzaturiera VE – Marina, operaia suolificio industriale (serba) VI – Marisa, ex operaia Fiat Mirafioni, precaria pulizie TO – Mirela, operaia rilegatura industriale (rumena) PD – Nadia, operaia Coop Camst VE – Nicoleta, operaia azienda agricola (rumena) PD – Paola, operaia lavanderia industriali VE – Patricia, operaia Coop confezionamento agricolo (nigeriana) VE – Roberta, operaia Coop Camst (ex operaia Officine Galileo) VE – Stefana, ex operaia Fiorital, disoccupata VE –Zhao, ex operaia pulizie Fincantieri Marghera, lavapiatti in ristorante (cinese) VE – Antonella Perria, Antonella Pepe, Giuseppina DelGrosso, Maddalena Iovino,
Marianna Capuozzo, Tina Capuozzo, AngelinaLeone, Alessandra Aprea,
Maria D’Alessandro, Elena Buono Per il Comitato Mogli Operai Pomigliano

 locandina assemblea 17 settembre 2016

    

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *