LO STRILLO

 

 

BOCCIATO DAL TRIBUNALE DI NOLA IL TEOREMA-MARCHIONNE PER LE <NUOVE RELAZIONI SINDACALI AUTORITARIE NEL GRUPPO FCA ITALY

Data pubblicazione: 20-07-2017

L’ostruzionismo giuridico del gruppo FCA Italy teso a difendere …“la pax sociale in fabbrica in un clima di ritrovata collaborazione tra azienda a sindacati e che è stato da ultimo consacrato con la sottoscrizione anche da parte della Fiom degli accordi”… con la risibile richiesta al giudice di estromettere lo Slai cobas (sindacato scomodo e non gradito) non ha pagato. Nella seconda udienza svoltasi l’11 luglio scorso il giudice del lavoro, dott. Francesca Fucci, si è riservata la decisione sulle richieste aziendali e successivamente ha sciolto la riserva fissando l’udienza di merito conclusiva per il prossimo 12 settembre, confermando le attribuzioni e diritti sindacali di Slai cobas difeso dagli avv. Arcangelo Fele e Daniela Sodano. In sintesi lo ‘scomposto’ teorema-Marchionne prevedeva la scelta, l’addomesticamento ed il pilotaggio dei sindacati e delle loro politiche rivendicative (quelli firmatari e graditi all’azienda) e l’esclusione dell’unico sindacato sgradito presente in fabbrica: lo Slai cobas, tra l’altro improvvidamente ‘accusato’ dall’azienda di …‘esercizio della democrazia diretta dei lavoratori come dalla dichiarazione dei principi fondamentali anteposta allo Statuto… (sic) nel tentativo giuridico di privarlo delle attribuzioni di legge e Costituzionali. Lo scopo, confessato nelle 29 pagine della memoria difensiva aziendale depositata in causa, era evidente e gravissimo per il malcelato tentativo di ottenere una impossibile ‘copertura giuridica’ mirante alla surrettizia realizzazione di una inquietante… “revisione critica dei diritti e delle libertà sindacali”… “non consentire un’agibilità sindacale privilegiata a danno delle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative, ma solo a quelle capaci di fare di fare un uso prudente e consapevole degli strumenti processuali”… “anche in ragione della stabilità dei rapporti tra azienda e l’universo sindacale presente in azienda (e non solo, come vedremo, per i discutibili contenuti) lascia non poco stupiti l’iniziativa dell’organizzazione sindacale ricorrente (lo Slai cobas)… “In questi giorni abbiamo sventato un inquietante tentativo di ‘colpo di Stato imprenditoriale’ messo in atto da FCA Italy con la pretesa violazione della Carta Costituzionale e dei diritti dei lavoratori e di quelli sindacali”… dichiara Mara Malavenda per Slai cobas Pomigliano e per il Comitato Mogli Operai Pomigliano… “questa prima e grande vittoria, per la sua valenza generale è troppo importante per essere appannaggio del solo nostro sindacato: la prossima udienza di settembre sarà ancora un momento importante perché saranno in ballo non solo i diritti generali di tutti.

SLAI-COBAS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *