POESIA: QUINDICI GIUGNO

Quindici giugno

Te lo dico con dolcezza…
Amor mio, svegliati presto !
Con le mogli devo andare
i cancelli a picchettare !

Qui si parla, si straparla
ma il lavoro è assai lontano
e a me tocca far quadrare
il bilancio familiare.

Era il grande insediamento…
Con migliaia di operai
tante volte maledetto
ma tant’altre caro assai.
Per noi l’unico lavoro
per noi il pane quotidiano!

Mo te diceno ‘e stà bbuono
c ‘à fatica po’ t’à danno…
Ma che dice quanno a luglio
pure‘a “cassa” nun te danno?

Ma tu ‘o vire ‘o farenello ?
C’ò maglione, è sempe‘o stesso!
Saglie e scenne all’aeroplane
mentre fa l’americano !

Non c’è tempo di aspettare
Amor mio, stammi a sentire,
piglia subbeto ‘a giacchetta
e facimmece ‘o picchetto!

LOGO CARTA INTESTATA

Comments are closed.